Più volte vi abbiamo parlato di come sia nocivo l’uso di zucchero e di dolcificanti sintetici come l’aspartame, suggerendovi di iniziare ad usare la stevia, una pianta della famiglia dei crisantemi conosciuta già nell’antichità da alcune tribù di Indiani del Sud America che la utilizzavano abitualmente per dolcificare bevande e cibi.

 

I vantaggi della stevia sono notevoli: dolcifica 400 volte di più dello zucchero ma, a parità di peso, conta molte meno calorie. Per fare un esempio una zolletta di zucchero ne ha 20, una di stevia zero. Questa inoltre, a differenza dei dolcificanti sintetici, resiste alle alte temperature e non subisce modificazioni durante la cottura o una volta miscelata con caffé o the bollente.

 

Permette quindi di dimagrire ma allo stesso tempo contrastare patologie come l’ipertensione, il diabete mellito, i disturbi cardiovascolari ed è inoltre utilizzato in caso di intolleranza al glucosio, come antiossidante e come prevenzione della carie.

 

Sono già molte le aziende che si stanno convertendo alla stevia, ma non occorre aspettare che entri in commercio per iniziare a consumarla! Reperirne i semi e le piante è semplice e può essere coltivata anche in un vaso: le sue dimensioni normalmente non superano il metro d’altezza, per cui anche un balcone o terrazzo può andare bene, l’importante è che sia bene esposta alla luce.

 

L’uso più pratico che si possa fare della stevia è mettere a seccarne le foglie al sole per qualche giorno. Dopo l’essiccazione, si procede allo sminuzzamento delle foglie, che possono essere sbriciolate manualmente o in un comune mixer. Non sempre però risulta gradevole condire yogurt, dolci e quanto altro con pezzettini di foglie sbriciolate.

 

No problem: la stevia può essere utilizzata anche per realizzare uno sciroppo dolce, vediamo come si fa!

 

Ingredienti
– una tazza d’acqua
– 3 tazze di foglie tritate di stevia e steli

 

Procedimento
Aggiungere l’ acqua alle tre tazze di Stevia ; coprire ermeticamente e lasciar riposare per 24 ore. Se si vuole ottenere uno sciroppo ancora più dolce lasciare fermo il composto ancora altre 12-24 ore, quindi versare il composto in una pentola e portare lentamente a ebollizione per 20 minuti. Infine togliere dal fuoco e lasciare raffreddare. Avremo ottenuto così un dolcificante a basso contenuto calorico che durerà per un paio di settimane in frigorifero. Facile, no?