Si dice che i panni sporchi vadano lavati in casa. Non è di questo avviso Kaarina Kaiakkonen, artista finlandese sensibile ai problemi dell’ambiente, il cui tratto distintivo è l’utilizzo di vecchie camice usate come elementi di composizione per le sue istallazioni sospese. I materiali che usa sono semplici, quotidiani: vestiti, carta e anche carta igienica: “Di solito adopero anche cose brutte, che la gente butta via perché non usa più. Questo è fondamentale nel mio lavoro, non voglio usare materiali costosi e preziosi perché penso che qualsiasi cosa abbia un valore. È una forma di rispetto della vita e in particolare di chi è povero. Inoltre credo che non gettare ciò che ci appartiene significhi anche non gettare via le proprie radici”.

Il suo lavoro più recente, dal titolo Are We Still Going On?, è stato concepito per l’ingresso della sede della Collezione Maramotti a Reggio Emilia. E non è un caso che proprio all’interno un’ex fabbrica di abbigliamento degli anni Cinquanta, gli abiti annodati tra loro sembrano stringersi la mano a ricordare i tempi che furono. Due strutture simmetriche agganciate al soffitto simulano lo scheletro di una grande barca: da un lato i toni chiari e femminili, dall’altra colori più freddi e duri della componente maschile, a simboleggiare una sorta di dialogo tra i due sessi opposti.
Nelle opere di Kaarina gli oggetti si animano e ci parlano di storie, di persone. Evocano fragilità, ma anche speranza e rigenerazione. Le grandi installazioni rappresentano una coralità di voci in transito, in dialogo con la natura e con gli spazi sociali e sono storia di ognuno e di tutti. Con l’aspetto monumentale delle sue opere convive un’anima legata all’impermanenza e alla fragilità dei materiali che ci riporta in qualche modo alla fragilità del genere umano. Il movimento “verso e da” qualcosa è un elemento formale ricorrente nel suo lavoro così come nei titoli e contribuisce a creare un ponte temporale tra le memorie passate e la loro tensione verso il futuro.

Arriva una barca carica carica di...camicie: l'istallazione di Kaarina Kaiakkonen fa il giro per l'ItaliaArriva una barca carica carica di...camicie: l'istallazione di Kaarina Kaiakkonen fa il giro per l'ItaliaArriva una barca carica carica di...camicie: l'istallazione di Kaarina Kaiakkonen fa il giro per l'Italia

Il progetto mette in campo la collaborazione dell’Ambasciata Finlandese in Italia e di quella italiana ad Helsinki con l’obiettivo di uno scambio culturale tra Italia e Finlandia.
L’opera realizzata per la Collezione Maramotti è la prima tappa di un progetto che prevede la realizzazione di una seconda installazione Towards Tomorrow, concepita per la piazza del MAXXI-Museo nazionale delle arti del XXI secolo, che inaugurerà il 14 aprile 2012. Come una grande vela, l’opera si muoverà con il vento, connettendo uno dei vuoti che caratterizzano il profilo esterno del museo e rimodellando l’edificio di Zaha Hadid.
Il 24 febbraio 2012, inoltre, inaugurerà la sua mostra personale Having Hope alla Galleria Z2O di Roma.